Oggi parliamo di: proteine e sport, sintesi proteica, diete iperproteiche per l’aumento della massa muscolare e analizzaremo i pro e contro di queste diete secondo l’evidenza scientifica.
Uno dei temi maggiormente dibattuti in termini di nutrizione sportiva è proprio quello relativo alla quantità ottimale di proteine necessarie per uno sportivo.
Per stabilire la quantità del fabbisogno proteico è necessario prendere in considerazione numerosi fattori: sesso, età, peso desiderato, condizione atletica, caratteristiche del programma di allenamento, apporto energetico totale della dieta e il quantitativo di carboidrati (1).
In linea generale per un individuo adulto con uno stile di vita attivo e in particolare per uno sportivo o un atleta agonista, gli studi moderni sono abbastanza unanimi nel considerare insufficienti i quantitativi delle RDA, 0,9 proteine g/kg p.c., sufficienti invece per coprire il fabbisogno di un individuo sedentario (1,2).

1.1 La sintesi proteica

I dati riportati suggeriscono un quantitativo compreso tra 1,2-2,0 g/kg p.c. sia per gli sportivi praticanti allenamenti di potenza che di resistenza.
Quantitativi superiori ai 2,0 g/kg p.c. non sembrano determinare comunque né un aumento della massa muscolare né della performance dell’atleta: la sintesi proteica non ha infatti una correlazione lineare con l’apporto proteico ma raggiunge un plateau a livelli d’incremento proteico relativamente modesti.
L’eccesso di proteine viene infatti ossidato con l’eliminazione dell’ammoniaca (NH3) attraverso i reni.
Nel grafico sottostante si può notare la fase di plateau per i soggetti sedentari intorno al valore LARN 0,8 g/kg/die, per gli atleti di potenza intorno a 1,7 g/kg/die mentre per gli atleti di resistenza si ha una corrispondenza in un intervallo tra i due gruppi precedenti:

FIGURA 2. Effetti ipotizzati dell’aumentato apporto proteico alimentare sul tasso di sintesi delle proteine muscolari in soggetti sedentari rispetto ad atleti di potenza e di resistenza. Da: Giampietro, 2009 mod.

Un altro fattore importante da considerare è la quota energetica che glucidica presente nella dieta: un alto contenuto di carboidrati e di energia permette il risparmio degli aminoacidi per la sintesi proteica piuttosto che il loro utilizzo per l’ossidazione.
Anche il grado di esperienza dello sportivo è un parametro da tenere in considerazione nella dieta: un’atleta più giovane o che si allena da un tempo minore avrà una necessità di proteine superiore rispetto ad atleti più esperti (3).
Appare inoltre ormai superata la divisone tra gli atleti di forza e di resistenza nella determinazione della quota proteica del soggetto (4), mentre è fondamentale effettuare un’attenta analisi dei fattori analizzati in precedenza.
Negli allenamenti per la forza si ha un aumento del turnover proteico a livello muscolare stimolando sia la sintesi, in misura maggiore, che la degradazione delle proteine, in misura minore. L’entità di entrambe dipende sia dal tempo di recupero dopo la seduta che dal grado di allenamento che può condizionare in maniera positiva il bilancio azotato.

Il bilancio azotato (Nb) rappresenta la differenza tra l’azoto ingerito con le proteine (grammi di proteine introdotte/6,25) e l’azoto eliminato: Nb = grammi di proteine somministrate/6,25 – [Urea urinaria (g/24 ore) x 0,56]. Soprattutto questi atleti che praticano allenamenti contro resistenza necessitano di un incremento della massa muscolare, pertanto è importante che il bilancio azotato sia positivo, in maniera da evitare una perdita di massa muscolare.
Nel grafico seguente si possono osservare gli effetti dell’apporto di proteine e di un esercizio contro resistenza sul bilancio di azoto:


FIGURA 3. Effetti dell’apporto di proteine e di un esercizio contro resistenza sul bilancio di azoto. Da: Giampietro, 2009 mod.
 

L’apporto energetico e proteico cresce in maniera proporzionale dato che la maggior parte degli alimenti contiene più macronutrienti, considerando che gli atleti di forza consumano in media una quantità tra le 3000 e le 5000 kcal e quindi anche il contenuto proteico in percentuale sarà maggiore.
Anche gli sport di resistenza, della durata superiore ai 60 minuti, richiedono un apporto proteico giornaliero superiore rispetti ai RDA, in quanto oltre alle proteine necessari per il turnover proteico il 5% dell’energia è fornita da substrati proteici.
Negli sportivi e nei soggetti con un dispendio fisico elevato le proteine assumono un’importante funzione plastica ma anche energetica.
Molti autori considerano infatti superata la teoria secondo la quale le proteine intervengano a scopi energetici solo quando sono esaurite le riserve glucidiche e lipidiche dell’organismo (1).

1.2 Le diete iperproteiche

Numerosi studi hanno indagato sui possibili giovamenti derivanti dal consumo di diete a contenuto proteico elevato (maggiore di 2 g/kg p.c.) da parte di sportivi.
Per fasi di allenamento particolarmente intenso un consumo di proteine pari a 3,4 g/kg p.c. ha dimostrato miglioramenti nella composizione corporea nei soggetti esaminati (5), mentre quantità pari per al 2,4 g/kg p.c. sono stati utilizzate allo scopo di favorire la ricomposizione corporea in atleti di elite sottoposti a regime ipercalorico (6).

Anche per periodi di deficit calorici, un quantitativo pari a 2,4 g/Kg BW, si è dimostrato efficace al fine di preservare la massa magra dei soggetti in esame (7). Una review ha concluso che un range di proteine pari a 2,3-3,1 g/kg FMM, a scalare verso l’alto a seconda del grado di restrizione calorica e della magrezza del soggetto, può essere utile al fine di preservare la massa magra in atleti in fase di restrizione calorica (8).
Allo stesso modo, per periodi di inattività dovuti ad infortuni muscolari, un aumento delle proteine nella dieta ha dimostrato dei benefici nella composizione corporea dello sportivo (9).

Un’assunzione eccessiva e protratta nel tempo di proteine è stata associata a potenziali implicazioni pericolose per la salute, come una perdita di minerali ossei e danni alla funzionalità renale.É stato riscontrato, che un elevato apporto di proteine aumenta l’escrezione renale di calcio ma dato l’effetto favorevole dell’attività fisica sul metabolismo di questo minerale e considerando che una dieta equilibrata fornisce degli apporti alimentari di tutti i minerali, una eventuale ipercalciuria dovrebbe essere comunque ben compensata.

Un rischio più reale connesso con un’ eccessiva assunzione di proteine è invece quello della disidratazione: l’ossidazione degli amminoacidi porta ad un aumento della produzione di urea, per aumento dei processi di deamminazione degli amminoacidi, ed un aumento della sua escrezione renale (1).
L’aumento della concentrazione di urea nell’urina richiama acqua con un meccanismo osmotico facendo aumentare le perdite idriche proporzionalmente all’aumento dell’ossidazione degli amminoacidi. In ogni caso sarà opportuno per uno sportivo idratarsi in maniera corretta al fine di evitare la compromissione della performance sportiva ed evitare l’insorgenza di patologia da calore (10).

Un’altra domanda che ci si pone è se l’apporto proteico elevato possa favorire il danno renale cronico aumentando la pressione glomerulare e l’iperfiltrazione .
Numerosi lavori suggeriscono che l’iperfiltrazione, il presunto meccanismo per il danno renale, sia è un normale meccanismo adattativo che si verifica in risposta a diverse condizioni fisiologiche (11,12,13).
Anche degli studi effettuati su atleti non hanno evidenziato danni alla funzionalità renale ed epatica, né si è riscontrato un aumento della concentrazione ematica di lipidi in seguito al consumo di diete ad alta quota proteica (14,15).
Pertanto, al momento non sembrano essere presentinella letteratura scientifica dati che correlino una dieta a elevato contenuto proteico a un aumentato rischio di compromissione della funzionalità epatica e renale in uomini e donne sani e fisicamente attivi.

Ad ogni modo, in caso di assunzione prolungata, in termini di anni, sono necessari ulteriori studi a lungo termine per escludere definitivamente ogni rischio (16). Al contrario, un apporto proteico elevato può rappresentare un problema per i soggetti con delle disfunzionalità renali già preesistenti (12), pertanto in questi casi può essere raccomandata una riduzione del quantitativo. Bisogna anche considerare che un’assunzione proteica elevata significa un aumento anche dell’introito calorico complessivo.In alternativa si potrebbe diminuire la quota degli altri due macronutrienti, grassi e carboidrati ma in questo caso l’apporto potrebbe non essere sufficiente per sostenere il carico di allenamento (17). Ad ogni modo un range di proteine definito accettabili è compreso tra il 10-35% dell’apporto totale di energia (18,19).

In conclusione, alla luce degli studi attuali non sembra possibile indicare una quota raccomandata per tutti gli sportivi, ma sarà opportuno eseguire un’attenta valutazione sulla reale necessità dell’atleta in questione da parte del professionista della nutrizione.


Pianifica la dieta, raggiungi i tuoi obiettivi!



Dott.ssa Claudia Inginniu


Bibliografia

1. Giampietro M. Dieta, Alimentazione e pratica sportiva. In: Scientifico IP, editor. L’ alimentazione per l’esercizio fisico e lo sport. Roma; 2005.

2. Economos CD, Bortz SS, Nelson ME. Nutritional Practices of Elite Athletes: Practical Recommendations. Vol. 16, Sports Medicine: Evaluations of Research in Exercise Science and Sports Medicine. 1993. p. 381–99.

3. Egan B. Protein intake for athletes and active adults: Current concepts and controversies. Nutrition Bulletin. 2016.

4. Phillips SM, van Loon LJC. Dietary protein for athletes: From requirements to optimum adaptation. J Sports Sci. 2011;29(SUPPL. 1).

5. Bilsborough S, Mann N. A review of issues of dietary protein intake in humans. International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism. 2006.

6. Antonio J, Ellerbroek A, Silver T, Orris S, Scheiner M, Gonzalez A, et al. A high protein diet (3.4 g/kg/d) combined with a heavy resistance training program improves body composition in healthy trained men and women – a follow-up investigation. J Int Soc Sports Nutr. 2015;12(1).

7. Garthe I, Raastad T, Refsnes PE, Sundgot-Borgen J. Effect of nutritional intervention on body composition and performance in elite athletes. Eur J Sport Sci. 2013;

8. Helms ER, Zinn C, Rowlands DS, Brown SR. A systematic review of dietary protein during caloric restriction in resistance trained lean athletes: A case for higher intakes. Vol. 24, International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism. 2014. p. 127–38.

9. Murphy CH, Hector AJ, Phillips SM. Considerations for protein intake in managing weight loss in athletes. Eur J Sport Sci. 2015;

10. Wall BT, Morton JP, van Loon LJC. Strategies to maintain skeletal muscle mass in the injured athlete: Nutritional considerations and exercise mimetics. Eur J Sport Sci. 2015;

11. Jeukendrup A, Gleeson M. Dehydration and its effects on performance. Sport Nutrition -2nd Edition. 2010.

12. Martin WF, Armstrong LE, Rodriguez NR. Dietary protein intake and renal function. In: Clinical Nutrition: The Interface Between Metabolism, Diet, and Disease. 2013.

13. Sugaya K, Ogawa Y, Hatano T, Koyama Y, Miyazato T, Naito A, et al. Compensatory renal hypertrophy and changes of renal function following nephrectomy. Acta Urol Jpn. 2000;

14. Calderón JL, Zadshir A, Norris K. A survey of kidney disease and risk-factor information on the World Wide Web. MedGenMed. 2004;

15. Antonio J, Ellerbroek A, Silver T, Vargas L, Tamayo A, Buehn R, et al. A High Protein Diet Has No Harmful Effects: A One-Year Crossover Study in Resistance-Trained Males. J Nutr Metab. 2016;2016.

16. Ciangura C, Czernichow S, Oppert J-M. Obesità. EMC – AKOS – Trattato di Med [Internet]. 2009;11(4):1–9.

17. Tipton KD. Efficacy and consequences of very-high-protein diets for athletes and exercisers. In: Proceedings of the Nutrition Society. 2011. p. 205–14.

18. Pesta DH, Samuel VT. A high-protein diet for reducing body fat: Mechanisms and possible caveats. Nutrition and Metabolism. 2014.

19. Manore MM. Exercise and the institute of medicine recommendations for nutrition. Curr Sports Med Rep. 2005;


Copyright e Disclaimers: questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute nel presente blog sono presentate unicamente a scopo informativo, non intendono fornire trattamento o prevenzione a disturbi, malattie o condizioni cliniche. In nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o l’alternativa ad una consulenza specialistica personalizzata.
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. In nessun caso l’autrice sarà responsabile di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti nel presente blog.
Le immagini inserite sono pubblicate senza alcun fine di lucro. Qualora la pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email e gli stessi saranno immediatamente rimossi.
I contenuti di questo blog possono essere visualizzati o stampati unicamente per uso personale e non possono, né totalmente né in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso dell’autrice. Il marchio “CI” è un marchio registrato.

I carboidrati rivestono da sempre una grande importanza nell’alimentazione di uno sportivo.
Essi svolgono una funzione principalmente energetica, in particolare durante l’attività fisica intensa l’energia viene prodotta dal glucosio ematico e dal glicogeno epatico e muscolare.
Pertanto, un apporto adeguato è necessario per garantire le riserve glucidiche su valori appropriati, d’altro canto un apporto eccessivo può essere trasformato in grasso e comportare un suo accumulo nell’organismo.La disponibilità dei glucidi influenza il metabolismo delle proteine e dei grassi.
In condizioni normali e nel digiuno a breve termine i carboidrati sono la fonte energetica utilizzata dal sistema nervoso centrale (SNC).
Questo potrebbe spiegare perché in presenza di una concentrazione glucidica ridotta si assiste alla comparsa del senso di fatica e a una minore intensità di lavoro fino all’impossibilità di protrarlo (1).
Una dieta ipoglicidica aumenta anche il rischio di infortuni, in virtù dell’importante ruolo che i carboidrati svolgono nel mantenimento del SNC della coordinazione neuromuscolare (2).

1.1 Il glicogeno e la performance

Il glicogeno muscolare rappresenta la principale fonte energetica per la contrazione muscolare.
L’organismo umano può immagazzinare al massimo 15 g di glicogeno per ogni kg di massa corporea.
La dieta ne influenza profondamente le riserve: in condizioni di un digiuno di 24 ore o di una dieta normocalorica ma ipoglucidica le riserve di glicogeno sono ridotte sensibilmente mentre una dieta normocalorica ma iperglucidica può in pochi giorni raddoppiare le riserve.

In una persona ben nutrita del peso di 80 kg possono essere presenti circa 500 g di glicogeno di cui 400 g
(1600 kcal) rappresentato dal glicogeno muscolare, circa 100 g (400 kcal) di glicogeno epatico e solamente
2-3 g di glucosio plasmatico (12 kcal).
Progressivamente all’aumento dell’intensità e della durata dell’esercizio si riduce il contributo del glicogeno muscolare mentre aumenta quello del glucosio ematico e dei trigliceridi e acidi grassi liberi.
Quando il glicogeno muscolare ed ematico diventa insufficiente a garantire circa il 40% delle richieste energetiche può insorgere il senso di fatica.

Una dieta a basso tenore di carboidrati esaurisce rapidamente il glicogeno epatico e muscolare e questo si ripercuote negativamente sulla performance sia aerobica sia anaerobica (3).
Nel grafico seguente (figura 2) si possono notare gli effetti del contenuto di carboidrati nella dieta e la durata dell’esercizio, quanto maggiore è il contenuto iniziale di glicogeno, tanto più lunga è la durata dell’esercizio:


FIGURA 2. Effetti di una dieta mista, ipoglicidica e iperglucidica sul contenuto iniziale del glicogeno del muscolo quadricipite femorale e sulla durata dell’esercizio al cicloergonometro. Da: Giampietro 2009 mod.

1.2. Sport di endurance e carboidrati

L’alimentazione che precede l’attività sportiva è influenzata dalle caratteristiche dell’attività stessa e in maniera particolare dalla sua durata.
Un esercizio di resistenza si riferisce ad un’attività fisica pratica per almeno 30 minuti (57) e una preparazione nutrizionale adeguata è particolarmente determinante per la prestazione di sport di una durata superiore a 60 minuti. Per queste attività l’obiettivo principale sarà cercare di aumentare il più possibile la concentrazione epatica e muscolare di glicogeno tramite una dieta iperglucidica.

Un’attività aerobica intensa protratta per 1 ora può determinare la diminuzione del 55% del glicogeno epatico, mentre 2 ore di esercizio massimale possono svuotare le riserve di glicogeno epatico e muscolare.
Questo si può riscontrare anche in sport misti quali ad esempio il calcio, il tennis e la pallamano dove periodi brevi, da 1 a 5 minuti, di attività sovramassimale si alternano a periodi di riposo (2). Il range di carboidrati per gli atleti di endurance dovrebbe essere compreso tra il 55% e il 70% dell’introito calorico totale.

Nonostante molte linee guida tendano a consigliare le assunzioni espresse come percentuale in macronutrienti, queste raccomandazioni non dovrebbero essere interpretate in maniera strettamente rigida perché si potrebbe avere una quota di carboidrati eccessiva o insufficiente per il soggetto in questione.
Infatti in una dieta da 5000 kcal, un 50% di energia in carboidrati corrisponde a 7-8 g/kg di peso corporeo per un atleta di 70 kg mentre in una dieta una ripartizione di carboidrati al 60% fornirà solo 4-5 g/kg di peso corporeo per un atleta di 60 kg (1,3).

Pertanto sarà invece opportuno raccomandare la quota di carboidrati considerando i grammi per la massa corporea dell’atleta, generalmente compresa tra 6-10 g/kg p.c. per atleti di endurance (4) o addirittura tra 8-12 g/kg p.c. nei casi più estremi.In ogni caso andrà valutato il fabbisogno energetico, gli obiettivi sportivi, il livello di forma fisica e il carico totale dell’allenamento.

1.2.1. La supercompensazione

Allo scopo di aumentare il più possibile la concentrazione di glicogeno muscolare ed epatico sono state adottate già in tempi antichi (1860) delle metodiche di supercompensazione glucidica. Tuttavia, le strategie di compensazione si diffusero soprattutto negli anni ‘70 grazie soprattutto ai lavori di un gruppo di ricercatori scandinavi. Tramite il “regime scandinavo”, sono state ottenute le concentrazioni più elevate di glicogeno muscolare (3,7 g/100 g di tessuto muscolare fresco).
Questo metodo prevede una forte riduzione del contenuto di glucidi nella dieta: dal sesto al quarto giorno precedenti la gara, il contenuto di glucidi è pari al 10% dell’energia totale giornaliera, negli altri 3 giorni la quota aumenta all’80%.

Oggigiorno sono ancora pochi gli atleti che seguono il regime scandinavo, infatti per ovviare agli effetti sfavorevoli causati da questa metodica (come malessere generale, disturbi digestivi, irrequietezza) sono state modificate da alcuni autori nel corso degli anni.
In ogni caso, in un atleta ben allenato è sufficiente aumentare la quota di carboidrati, dal 60 al 70% dell’energia totale giornaliera (ETG) nei tre giorni che precedono l’evento sportivo e ridurre la durata (30-40 minuti) e l’intensità dell’allenamento (35-40% del VO2 max) per incrementare la concentrazione muscolare di glicogeno (2,5 g/100 g di tessuto muscolare fresco).
Le strategie di carico glucidico mostrano i maggiori benefici per lavori submassimali prolungati e nelle discipline caratterizzate da attività prolungate e intermittenti (come calcio, rugby, tennis) (5).

1.3. Carboidrati e sport di forza

Al contrario degli sport di resistenza, in cui gli effetti fisiologici e prestazionali di una ingestione dei carboidrati è stato ampiamente documentato, negli sport contro resistenza non è presente molta letteratura scientifica al riguardo (6). La letteratura riporta studi su delle indagini alimentari effettuati su agonisti praticanti sport di forza e potenza, in cui il consumo di carboidrati giornaliero andava dai 3 ai 5g/kg di massa corporea, i bodybuilder avevano invece le assunzioni giornaliere maggiori, equivalenti a 4-7 g/kg di massa corporea, indipendentemente dal sesso.
In effetti questi quantitativi sono definiti bassi per gli sportivi di resistenza, mentre per quelli di forza si può ipotizzare che un quantitativo tra i 4 e 7 g · kg di massa corporea, a seconda dei periodi di allenamento, possa fornire dei benefici (7).
Il fatto che l’allenamento intermittente determina una diminuzione significativa del glicogeno muscolare suggerisce che anche negli allenamenti contro resistenza si verifichi un effetto simile (5).
Di seguito, una tabella riassuntiva della quantità di carboidrati raccomandati per gli atleti, in base al tipo di esercizio (8):

FIGURA 2. Il quantitativo di carboidrati raccomandato per gli sportivi (g/kg/die). Da: Thomas et al., 2016.

Programma la dieta, rendi al massimo nel tuo sport!



Dott.ssa Claudia Inginniu

Bibliografia

  1. Hawley JA, Leckey JJ. Carbohydrate Dependence During Prolonged, Intense Endurance Exercise. Sports Medicine. 2015.
  2. 2. McArdle W, Katch F, Katch V. Alimentazione nello sport. Ambrosiana, editor. 2001.
  3. Burke LM, Cox GR, Cummings NK, Desbrow B. Guidelines for daily carbohydrate intake: do athletes achieve them? / Instructions pour une alimentation riche en glucides: les athletes parvienne
  4. Hassapidou M. Carbohydrate requirements of elite athletes. Br J Sports Med. 2011;
  5. Giampietro M. Dieta, Alimentazione e pratica sportiva. In: Scientifico IP, editor. L’ alimentazione per l’esercizio fisico e lo sport. Roma; 2005. p. 3–4.
  6. Conley MS, Stone MH. Carbohydrate Ingestion/Supplementation for Resistance Exercise and Training. Sport Med. 1996;21(1):7–17.7
  7. Slater G, Phillips SM. Nutrition guidelines for strength sports: Sprinting, weightlifting, throwing events, and bodybuilding. J Sports Sci. 2011;29(SUPPL. 1).
  8. Thomas DT, Erdman KA, Burke LM. Position of the Academy of Nutrition and Dietetics, Dietitians of Canada, and the American College of Sports Medicine: Nutrition and Athletic Performance. J Acad Nutr Diet. 2016;116(3):501–28.

Copyright e Disclaimers: questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute nel presente blog sono presentate unicamente a scopo informativo, non intendono fornire trattamento o prevenzione a disturbi, malattie o condizioni cliniche. In nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o l’alternativa ad una consulenza specialistica personalizzata.
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. In nessun caso l’autrice sarà responsabile di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti nel presente blog.
Le immagini inserite sono pubblicate senza alcun fine di lucro. Qualora la pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email e gli stessi saranno immediatamente rimossi.
I contenuti di questo blog possono essere visualizzati o stampati unicamente per uso personale e non possono, né totalmente né in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso dell’autrice. Il marchio “CI” è un marchio registrato.

Un tema molto dibattuto nell’ambiente sportivo è quello relativo al pasto post workout.
Vediamo di capire quanto è importante e come deve costituito un pasto post attività fisica ideale.
La reintegrazione ottimale è particolarmente importante per allenamenti pesanti regolari, per delle competizioni con turni di qualifica, quando l’intervallo tra le sessioni allenanti o di gare è inferiore a 8 ore oppure quando  è seguito da 1 o massimo 2 giorni di riposo prima di allenamenti di endurance.

1.1 Il ripristino del glicogeno

La scelta migliore degli alimenti da preferire per ripristinare velocemente le scorte di glicogeno ricade sui carboidrati. Può essere consigliabile anche l’assunzione di proteine e carboidrati insieme nel post allenamento. Vediamo quando questa scelta può essere opportuna.
L’assunzione di carboidrati e proteine assunti contemporaneamente dopo l’esercizio, rispetto all’assunzione di soli carboidrati, al fine di ripristinare le scorte di glicogeno, sembra vantaggiosa solo quando non può essere consumata la quota ottimale di carboidrati (1,2,3).
Vediamo come converrà alimentarsi nel pasto post allenamento:

  1.  Se il tempo a disposizione per il recupero è limitato è importante iniziare subito dopo l’ultima seduta di esercizio il ripristino del glicogeno. Esso, infatti, è più rapido nelle primissime ore, in particolare nella prima ora, dopo l’ultima seduta di esercizio.
    Per avere un rapido recupero dopo l’attività fisica (< 4 ore) sarà bene assumere, subito al termine dell’allenamento o comunque entro 30 minuti, 1-1,2 g/kg p.c. di carboidrati (2,4).
    Se non dovesse essere  possibile raggiungere queste quote di soli carboidrati, l’alternativa è rappresentata dall’assunzione di 0,8 g/kg p.c. di carboidrati + 0,4 g/kg p.c. di proteine.
    Continuare ad assumere questi quantitativi ogni 2 ore per le successive 4-6 ore permetterà il reintegro completo delle scorte di glicogeno (4,5).

    Sarà preferibile orientarsi sulla scelta di carboidrati a rapido assorbimento, privi di fibra alimentare, la quale determina un rallentamento dello svuotamento gastrico.
    Alimenti ricchi di zuccheri semplici e amidi rappresentano delle scelte consigliabili.
    Potrebbe essere vantaggioso, da un punto di vista pratico, assumere un pasto liquido appena conclusa l’attività fisica.
    In questa maniera, oltre a bypassare il problema della scarsa appetenza post-esercizio, si avrà una rapida assunzione glucidica, senza appesantire lo sportivo, e una rapida reidratazione dei liquidi.
    Ad esempio, un pasto liquido potrebbe essere costituito da glucosio+whey.
    Una valida alternativa è rappresentata da una bevanda a base di latte al cioccolato, per via delle sue caratteristiche nutrizionali e del buon potere idratante (6).
    Un esempio di pasto solido potrebbe essere: riso o pane bianco/patate + pesce magro o carne magra/affettato magro.

  2. Se il tempo a diposizione per il ripristino del glicogeno non è un fattore limitante e l’intervallo di tempo tra le sessioni di allenamento o gara è maggiore di 24 ore, il nutrient timing non appare così rilevante.
    In questo caso sarà più importante il quantitativo totale di carboidrati assunto, il quale varia a seconda del tipo e dell’intensità dell’allenamento (7), indicativamente per:
    • Allenamenti moderati: 5-7 g/kg p.c.
    • Allenamenti pesanti: 6-10 g/kg p.c
    • Allenamenti estremi: 8-12 g/kg p.c

Come nel caso precedente, se il quantitativo di carboidrati assunti carboidrati non è ottimale, un pasto contente carboidrati e proteine permetterà comunque di ottenere la risintesi ottimale del glicogeno.
Anche per quanto riguarda per gli sport di potenza e forza un’assunzione ottimale di carboidrati, o carboidrati e proteine, dopo l’esercizio favorisce la risintesi di glicogeno muscolare e sembra determinare anche in questo caso un aumento dei tempi di recupero (8,9).

1.2 La sintesi proteica

L’anabolismo muscolare è dato dall’equilibrio tra i processi tra la sintesi proteica e la proteolisi e con opportune strategie alimentari (tempo, quantità e qualità dei nutrienti) è possibile alterare efficacemente il tasso di sintesi proteica. L’assunzione di nutrienti prima e dopo l’allenamento, alterando la risposta ormonale, consente il trasporto e la disponibilità di nutrienti a livelli del muscolo scheletrico, come illustrato nella figura 2.

Gli studi hanno evidenziato che un’infusione o una somministrazione esogena di amminoacidi da soli o accompagnati da carboidrati dopo l’allenamento determina un aumento della sintesi proteica muscolare (MPS) (10). L’effetto degli aminoacidi essenziali (EAA) si può esplicare in due modi: da un lato agiscono sul sistema mTOR (mammalian target of rapamycin, bersaglio della rapamicina nei mammiferi) attivando la sintesi proteica e dall’altro inducono una risposta insulinemica.
Il sistema mTOR regola l’espressione genica a livello di traduzione favorendo la formazione di proteine ribosomiali, necessarie per la formazione di proteine miofibrillari.
Questo sistema viene inibito dall’accumulo di AMP (segnale i scarsa energia cellulare) tramite la chinasi AMP-dipendente e viene attivato dalla presenza di EAA (11).

In particolare i BCAA, valina, isoleucina ma soprattutto la leucina sembrano rivestire un ruolo primario nella sintesi proteica (12,13,14).
L’insulina e IGF-1 stimolano la sintesi di proteine muscolari e inibiscono la loro degradazione.
È stato dimostrato che un’assunzione di glucosio (1 g/kg) immediatamente e 1 ora dopo l’allenamento provoca un aumento del glucosio plasmatico e dell’insulina, una diminuzione della degradazione delle proteine miofibrillari e dell’escrezione di azoto ureico determinando un leggero aumento del tasso di MPS.
Una somministrazione di proteine e carboidrati insieme si è inoltre dimostrata maggiormente efficace nel bilancio proteico, piuttosto che un’ingestione singola di uno dei due nutrienti.

È stato infatti riportato un aumento di circa il 400% del tasso di sintesi proteica, rispetto ai valori iniziali, quando l’integrazione combinata di amminoacidi essenziali e di saccarosio (6 g e 35 g rispettivamente) avveniva 1 ora o 3 ore dopo l’allenamento.
Se invece questo stesso quantitativo di carboidrati e amminoacidi veniva ingerito immediatamente prima dell’allenamento, la MPS risultava ulteriormente aumentata, il che potrebbe suggerire l’importanza del fattore temporale. In definitiva una somministrazione combinata di questi due nutrienti sia immediatamente prima che nel post allenamento potrebbe essere la strategia migliore al fine di stimolare l’anabolismo e la crescita muscolare.

FIGURA 2. Influenza della nutrizione sull’allenamento contro resistenza. Da: Volek, 2014.

Uno studio ha messo a confronto per 6 settimane un gruppo di sportivi di sport di potenza in cui veniva consumato un quantitativo di proteine del siero del latte (2,1 g/kg/die) quasi doppio rispetto al gruppo placebo (1,2 g/kg/die). Nel gruppo in cui il quantitativo di proteine era superiore si è avuto sia un aumento della massa magra sia un aumento della forza (una ripetizione massimale 1-RM su squat e panca piana) (15).
Un’altra pubblicazione ha riportato i benefici di un’integrazione con amminoacidi ricchi in BCAA (0,4 g/kg/die) nell’attenuazione del decremento della forza e della potenza muscolare dovuto alla fase iniziale di sovrallenamento funzionale, overreaching (16).

Nonostante numerosi studi abbiano dimostrato che delle opportune manipolazioni dei nutrienti determinano un aumento della sintesi proteica nell’allenamento acuto, appare maggiormente rilevante sapere se effettivamente queste ripetute alterazioni metaboliche siano sufficienti a determinare degli adattamenti sul lungo periodo.
Al momento, nessuna pubblicazione scientifica ha dimostrato che la modifica del tempo dell’ingestione nutrienti (senza una modifica della quantità consumata) e il conseguente adattamento fisiologico acuto sia direttamente collegabile a un adattamento cronico.

Pertanto, a oggi appare solo ipotizzabile parlare di un possibile effetto stimolante naturale sui processi anabolici e sull’innalzamento del bilancio proteico dell’organismo.
È necessario attendere ulteriori ricerche capaci di dimostrare che le modificazioni indotte dal timing dei nutrienti provochino effettivamente degli effetti anabolizzanti (aumento della massa magra corporea e della forza muscolare) rispetto a quanto avviene allenandosi senza utilizzare queste metodiche (9,17).

Pianifica il pasto post-esercizio, migliora il tuo recupero!



Dott.ssa Claudia Inginniu


Bibliografia:

1. Alghannam AF, Gonzalez JT, Betts JA. Restoration of Muscle Glycogen and Functional Capacity: Role of Post-Exercise Carbohydrate and Protein Co-Ingestion. Nutrients. 2018;10(2):253. Published 2018 Feb 23. doi:10.3390/nu10020253

2. Craven, J., Desbrow, B., Sabapathy, S. et al. The Effect of Consuming Carbohydrate With and Without Protein on the Rate of Muscle Glycogen Re-synthesis During Short-Term Post-exercise Recovery: a Systematic Review and Meta-analysis. Sports Med – Open 7, 9 (2021). https://doi.org/10.1186/s40798-020-00297-0

3. Margolis LM, Allen JT, Hatch-McChesney A, Pasiakos SM. Coingestion of Carbohydrate and Protein on Muscle Glycogen Synthesis after Exercise: A Meta-analysis. Med Sci Sports Exerc. 2021;53(2):384-393. doi:10.1249/MSS.0000000000002476

4. Kerksick CM, Arent S, Schoenfeld BJ, et al. International society of sports nutrition position stand: nutrient timing. J Int Soc Sports Nutr. 2017;14:33. Published 2017 Aug 29. doi:10.1186/s12970-017-0189-4

5. Alghannam, Abdullah F. et al. “Influence of Post-Exercise Carbohydrate-Protein Ingestion on Muscle Glycogen Metabolism in Recovery and Subsequent Running Exercise.” International journal of sport nutrition and exercise metabolism 26 6 (2016): 572-580 .

6. Amiri M, Ghiasvand R, Kaviani M, Forbes SC, Salehi-Abargouei A. Chocolate milk for recovery from exercise: a systematic review and meta-analysis of controlled clinical trials. Eur J Clin Nutr. 2019;73(6):835-849. doi:10.1038/s41430-018-0187-x

7. Bob Murray, Christine Rosenbloom, Fundamentals of glycogen metabolism for coaches and athletes, Nutrition Reviews, Volume 76, Issue 4, April 2018, Pages 243–259, https://doi.org/10.1093/nutrit

8. Conley MS, Stone MH. Carbohydrate Ingestion/Supplementation for Resistance Exercise and Training. Sport Med. 1996;21(1):7–17.

9. Haff GG, Lehmkuhl MJ, McCoy LB, Stone MH. Carbohydrate supplementation and resistance training. J Strength Cond Res. 2003;17(1):187–96.

10. Volek JS. Influence of Nutrition on Responses to Resistance Training. Medicine and Science in Sports and Exercise. 2004.

11. Arienti G. Le basi molecolari della nutrizione. Quarta. Piccin-Nuova Libraia, editor. Padova; 2015.

12. Jeukendrup AE. Carbohydrate feeding during exercise. Vol. 8, European Journal of Sport Science. 2008. p. 77–86.

13. Programa MDEL, Jeukendrup a E, Jentjens R, Coyle EF, Antonio J, Ciccone V. Carbohydrate supplementation during exercise. Sports Med. 2013;

14. Baker LB, Rollo I, Stein KW, Jeukendrup AE. Acute effects of carbohydrate supplementation on intermittent sports performance. Nutrients. 2015.

15. Burke DG, Chilibeck PD, Davison KS, Candow DC, Farthing J, Smith-Palmer T. The Effect of Whey Protein Supplementation with and Without Creatine Monohydrate Combined with Resistance Training on Lean Tissue Mass and Muscle Strength. Int J Sport Nutr Exerc Metab [Internet]. 2001;11(3):349–64.

16. Ratamess NA, Kraemer WJ, Volek JS, Rubin MR, Gómez AL, French DN, et al. The effects of amino acid supplementation on muscular performance during resistance training overreaching. J Strength Cond Res. 2003;17(2):250–8.

17. Close GL, Hamilton DL, Philp A, Burke LM, Morton JP. New strategies in sport nutrition to increase exercise performance. Free Radic Biol Med. 2016;98:144–58.


Copyright e Disclaimers: questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute nel presente blog sono presentate unicamente a scopo informativo, non intendono fornire trattamento o prevenzione a disturbi, malattie o condizioni cliniche. In nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o l’alternativa ad una consulenza specialistica personalizzata.
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. In nessun caso l’autrice sarà responsabile di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti nel presente blog.
Le immagini inserite sono pubblicate senza alcun fine di lucro. Qualora la pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email e gli stessi saranno immediatamente rimossi.
I contenuti di questo blog possono essere visualizzati o stampati unicamente per uso personale e non possono, né totalmente né in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso dell’autrice. Il marchio “CI” è un marchio registrato.

L’acqua è il maggior costituente del corpo umano, si stima che la quantità totale presente in un individuo adulto sia compresa tra il 60 e 70%.
Quando il nostro organismo è sottoposto a uno sforzo fisico, soprattutto in condizioni climatiche sfavorevoli (temperatura e umidità elevata o temperature fredde) deve attuare meccanismi di termoregolazione in grado di indurre un’adeguata riduzione della temperatura corporea.
In caso di forti sudorazioni la perdita di acqua ed elettroliti può essere notevole e in alcuni casi, anche se durante l’attività fisica viene assunta un’adeguata quantità di liquidi, l’atleta può andare comunque incontro a una parziale disidratazione. Infatti, la velocità di perdita dei liquida con il sudore può risultare superiore alle capacità di assimilazione dei liquidi assunti.

La perdita di acqua in caso di attività intensa può raggiungere valori rilevanti e compromettere sia la performance sia lo stato di salute (1). La disidratazione può portare alla riduzione dei tempi di reazione, all’aumento della fatica e alla diminuzione della concentrazione.
Gli studi hanno valutato che con una perdita del 2% di liquidi, una performance di resistenza diminuisce notevolmente. Inoltre, durante un’attività di resistenza intensa l’atleta può perdere fino al 4% della sua massa corporea dell’atleta (2,3)
Appare probabile che, anche per le attività intermittenti di lunga durata (es. calcio, tennis, basket), la disidratazione possa provocare il rallentamento delle abilità cognitive, la riduzione delle prestazioni sportive e l’aumentato rischio di colpi di calore (4,5,6).

Figura 2. Effetti della disidratazione sul corpo umano. Da: Périard, et al. 2021.
 

Pertanto, è consigliabile, per lo sportivo, idratare costantemente il corpo con apporti adeguati di acqua e/o soluzioni glucidico-saline, ipo-isotoniche, prima, durante e dopo l’attività sportiva.
La rapidità di assimilazione dell’organismo delle bevande dipende fondamentalmente dalla velocità di svuotamento gastrico (volume, contenuto energetico totale, osmolarità e temperatura) e dalla velocità di assorbimento intestinale.
Il movimento passivo dell’acqua è accelerato dalla presenza di glucosio e sodio, entrambe assorbite con meccanismo di trasporto attivo (pompe di membrana ATP-dipendenti).
Anche la presenza di potassio (diffusione passiva) facilita l’assorbimento dell’acqua.
Per quanto riguarda la temperatura, le bevande fresche (4-10 °C) lasciano lo stomaco più rapidamente di quelle calde e risultano sicuramente più gradevoli. Vediamo di seguito dei consigli pratici:

  • Se l’allenamento supera i 60 minuti, nel corso delle due ore precedenti l’esercizio, può essere utile consumare una bevanda arricchita con zuccheri semplici e minerali
    in un quantitativo variabile da 400 a 600 ml.
  • Durante l’allenamento l’assunzione regolare di 150-300 ml ogni 15-20 minuti ripristina il quantitativo perso attraverso l’intestino (600-1200 ml/ora).
  • Subito dopo l’esercizio è consigliabile bere ulteriormente altri 250-300 ml della bevanda.

Lo svuotamento gastrico rallenta quando vengono ingerite sostanze che contengono concentrazioni elevate di particelle in soluzione (osmolarità) o che possiedono un alto potere calorico.
La reidratazione con sostanze ipertoniche rispetto al plasma (maggiori di 280 mOsm/kg) ritarda l’assorbimento di liquidi intestinali e questo può causare seri problemi in particolare durante attività prolungate e con temperature calde.
L’effetto negativo delle bevande zuccherate sullo svuotamento gastrico può essere superato se all’interno della bevanda sono presenti maltodestrine piuttosto che zuccheri semplici.

Polimeri brevi (da 3 a 20 unità di glucosio) derivati dall’amido di mais riducono il numero delle particelle della soluzione, il che facilita il passaggio dell’acqua dallo stomaco all’intestino per assorbimento.
Inoltre l’assorbimento dell’acqua aumenta quando la soluzione contiene più di un substrato, in quanto si attivano meccanismi addizionali di trasporto intestinale (7,8) .
In particolare l’aggiunta di fruttosio alla bevanda contente glucosio o maltodestrine favorisce l’assorbimento dell’acqua per osmosi, in quanto viene trasportato con un meccanismo differente rispetto al glucosio e non compete con esso (9,10).

Nonostante le indicazioni generali è sempre fondamentale testare e personalizzare le varie strategie di idratazione. Un metodo molto semplice e rapido per conoscere i livelli della tua idratazione corporea è tramite la bioimpedenziometria (BIA).
Questa metodica si basa infatti sulla misurazione dell’acqua corporea e permette la valutazione dello stato nutrizionale, muscolare e idro- elettrolitico.

Massimizza la tua performance, cura la tua idratazione!



Dott.ssa Claudia Inginniu


Bibliografia :

  1. Périard, Julien D et al. “Exercise under heat stress: thermoregulation, hydration, performance implications, and mitigation strategies.” Physiological reviews vol. 101,4 (2021): 1873-1979. doi:10.1152/physrev.00038.2020
  2. Trangmar SJ, González-Alonso J. Heat, Hydration and the Human Brain, Heart and Skeletal Muscles. Sports Med. 2019;49(Suppl 1):69-85. doi:10.1007/s40279-018-1033-y
  3. Goulet ED. Dehydration and endurance performance in competitive athletes. Nutr Rev. 2012 Nov;70 Suppl 2:S132-6. doi: 10.1111/j.1753-4887.2012.00530.x. PMID: 23121348.
  4. Nuccio, Ryan & Barnes, Kelly & Carter, James & Baker, Lindsay. (2017). Fluid Balance in Team Sport Athletes and the Effect of Hypohydration on Cognitive, Technical, and Physical Performance. Sports medicine (Auckland, N.Z.). 47. 10.1007/s40279-017-0738-7.
  5. Fortes, Leonardo & Nascimento Junior, Jose Roberto & Mortatti, Arnaldo & de Lima-Junior, Dalton & Ferreira, Maria. (2018). Effect of Dehydration on Passing Decision Making in Soccer Athletes. Research Quarterly for Exercise and Sport. xx. 10.1080/02701367.2018.1488026.
  6. Castro-Sepúlveda M, Astudillo S, Álvarez C, et al. [PREVALENCE OF DEHYDRATION BEFORE TRAINING IN PROFESIONAL CHILEAN SOCCER PLAYERS]. Nutricion Hospitalaria. 2015 Jul;32(1):308- 311. DOI: 10.3305/nh.2015.32.1.8881. PMID: 26262731.
  7. Giampietro M. Dieta, Alimentazione e pratica sportiva. In: Scientifico IP, editor. L’ alimentazione per l’esercizio fisico e lo sport. Roma; 2005.
  8. McArdle W, Katch F, Katch V. Alimentazione nello sport. Ambrosiana, editor. 2001
  9. Wilson PB, Ingraham SJ. Glucose-fructose likely improves gastrointestinal comfort and endurance running performance relative to glucose-only. Scand J Med Sci Sport. 2015;
  10. O’Brien WJ, Rowlands DS. Fructose-maltodextrin ratio in a carbohydrate-electrolyte solution differentially affects exogenous carbohydrate oxidation rate, gut comfort, and performance. Am J Physiol Liver Physiol. 2011;


Copyright e Disclaimers: questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute nel presente blog sono presentate unicamente a scopo informativo, non intendono fornire trattamento o prevenzione a disturbi, malattie o condizioni cliniche. In nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o l’alternativa ad una consulenza specialistica personalizzata.
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. In nessun caso l’autrice sarà responsabile di qualsiasi eventuale danno anche solo ipoteticamente collegabile all’uso dei contenuti e/o di informazioni presenti nel presente blog.
Le immagini inserite sono pubblicate senza alcun fine di lucro. Qualora la pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email e gli stessi saranno immediatamente rimossi.
I contenuti di questo blog possono essere visualizzati o stampati unicamente per uso personale e non possono, né totalmente né in parte, essere copiati, riprodotti, trasferiti, caricati, pubblicati o distribuiti in qualsiasi modo senza il preventivo consenso dell’autrice. Il marchio “CI” è un marchio registrato.